La Brexit ha grandi implicazioni nei negozi on line, vuoi vederci piú chiaro?

Questa storia è diventata la migliore serie di Netflix, per seguire la trama stagione dopo stagione, chi non ha mai sentito parlare di questo tema non arriva sicuramente all’1%; il momento piú intenso lo abbiamo vissuto l’1 febbraio 2020, quando la ritirata del Regno Unito (UK) dall’Unione Europea (EU) é diventato realtá. In ogni caso, cosa devi tenere presente come negozio on line se hai clienti in Inghilterra o se, al contrario, devi acquistare materiale in Inghilterra?

Con l’uscita si stanno ancora realizzando negoziati che generano qualche instabilitá fra UK e EU. La creazione del mercato unico nel 1992 costituiva un avanzamento nel processo di integrazione economica, che si vede adesso vacillare con questa uscita, perché nessuno sa quali possono essere i risultati finali dei negoziati, né come questi risultati colpiranno il commercio di beni e servizi o la libera circolazione delle persone. Non c’è dubbio che questo é un divorzio complicato, dove i mediatori devono considerare tutti gli aspetti e stabilite meccanismi di arbitraggio per poter risolvere civilmente le future differenze. Il documento che ha presentato il Primo Ministro del Parlamento britannico, nel 2018, propone 4 scenari:

  1. Nessun accordo: i negoziati terminano senza accordi e gli scambi con UK si aggravano con i dazi applicati dall’UE calle nazioni piú favorite (most favored nation) e si stabiliscono costi di transito per le barriere non tariffarie (non trade Barriers) in linea con quelle che gravano sul commercio con paesi senza accordi di preferenza.
  2. Accordo di libero commercio tipo (Free Trade Agreement): non ci sono dazi per gli scambi con UK, peró costi non tariffari dovuti all’uscita di UK e gli scambi saranno soggetti a maggiori controlli regolatori e amministrativi
  3. Accordo di libero commercio tipo EEA (European Economic Area): Non ci saranno dazi negli scambi con la UE, peró si applicheranno costi non tariffari per la maggior attenzione amministrativa dovuta all’uscita dall’Unione Doganale. Il Regno Unito rimarrebbe nel Mercato Unico, in cambio di accettare la libera circolazione delle persone e le legislazioni e standard dell’EU.
  4. Il quarto scenario costituisce piú uno scenario idilliaco da un punto di vista del governo britannico che una opzione realizza, è quello che chiamano Libro Bianco: si minimizzano le frizioni commerciali nel commercio sia con UE che con il resto dei paesi, nonostante il Regno unito rimanga fuori dal Mercato Unico e dalla Unione doganale.

Con lo scopo di aiutarla il piú possibile con il suo e-commerce, abbiamo riunito una serie di informazioni sul tema:

Brexit Italia - Sendiroo

Quali cambi ci saranno con questa uscita, per i negozi online?

Indipendentemente dal tipo di negoziazioni che rimarranno vigenti tra la EU e UK, gli invii resteranno sottoposti al regime doganale, e le dichiarazioni a questo organo saranno obbligatorie. In qualsiasi scenario fra quelli esposti sopra, bisogna tenere presenti:

  • I diritti doganali e di IVA sulle importazioni di beni fra UK e EU
  • Le fatture doganali richieste per il commercio tra UK e EU
  • Bisogna tenere presente che i tempi di transito possono cambiare a causa del Brexit
  • Le tariffe e i carichi addizionali possono cambiare durante la liberazione dalla dogana
  • Avverranno ispezioni addizionali in alcuni beni, come prodotti di origine animale e vegetale, e saranno piú rigorosi.

Bisogna prepararsi

Indipendentemente dagli accordi, il Brexit avrá senza dubbio conseguenze sul tuo negozio on line, anche se non commerci con UK; per questo motivo devi tenere presenti questi punti per avere meno conseguenze possibile sul tuo e-commerce.

  • Dogana

UK diventa un paese esterno all’EU, questo significa che deve effettuare le gestioni doganali UK se convierte en un país fuera de UE, lo que significa que debe tratar con los trámites aduaneros belga e britannica; ció implica la preparazione di documenti di esportazione come le fatture commerciali. Bisogna peró rendersi conto che i tempi di attesa saranno piú lunghi, per questo è necessario tenerlo presente per gli invii e i tempi di consegna al cliente., lo que significa la preparación de documentos de exportación tales como factura comercial.

  • Dichiarazioni di esportazione doganale belga

Quando si realizzano invii e/o esportazioni a un paese fuori dell’Unione europea, é necessario informare la dogana belga, e per fare questo è necessario essere in possesso di un numero EORI, che si puó richiedere al sito FPS Finance

  • IVA

Successivamente ai negoziati del Brexit non si dovrá pagare l’IVA per la vendita di beni inviati in UK, ma è necessario poter dimostrare che il prodotto ha passato la frontiera dell’Unione Europea, e avere le 3 copie della dichiarazione della dogana belga.

  • Accordi di trasporto

Comunicare gli accordi di traporto usando Incoterms . Si tratta di accordi internazionali standard sul trasporto di mercanzia. Menzionando Inconterms nei formulari doganali, rimane esplicito chi organizza il trasporto, chi lo paga, chi è responsabile dei danni o dei pagamenti di qualsiasi dazio sull’importazione e chi stipula quale assicurazione.

Brexit - Sendiroo

Non tutto il male viene per nuocere

Sembra tutto fastidioso e complicato, peró puó darsi che derivi dalla scarsa informazione e dal non sapere come o dove arriveremo con la Brexit; nonostante questo, come tutti i cambi, puó portare vantaggi per alcuni negozi on line. La Brexit renderá piú difficile ai negozi on line del Regno unito, vendere in Europa, per questo potrai approfittare di un mercato piú ampio, che puó portare a maggiori vendite.

In caso di dubbi suoi tuoi invii

Con Sendiroo puoi realizzare comparazioni di prezzo tra piú di 25 agenzie, inoltre puoi contare con un’assistenza personalizzata e puoi chiarire tutti i tuoi dubbi: Devi solo contattarci, e ti aiuteremo con gli invii internazionali del tuo negozio on line.

Blog Sendiroo